BERLINO, CHIUDE IL TACHELES

TACHELES, lo storico centro culturale occupato a BerlinoLa Kunsthaus Tacheles (o semplicemente Tacheles o Tacheles Gallery, in italiano “Casa dell’arte Tacheles”) è una galleria d’arte moderna berlinese gestita da un collettivo di artisti che occuparono la struttura nel 1990 (ove sorgeva un magazzino in fase di demolizione).

Quel magazzino, oggi, 4 settembre 2012 è stato sloggiato e verrà veramente demolito. Chiunque è stato a Berlino e ha visitato questo centro proverà sentimenti di dolore e tristezza. Si. Perché il Tacheles non era il solito centro occupato come noi italiani ci immaginiamo, pieno di gente sfasciona in cerca di farfalle. Il Tacheles era un bel posto dove poter incontrare gratuitamente artisti di tutti i generi.

Era indescrivibile la differenza tra la struttura occupata e l’albergo di lusso di fronte. A Berlino dopo qualche ora di assestamento, ci abituiamo a questo. Differenze architettoniche in ogni angolo. Si vede però che la decisione era stata presa. Girava da tempo la voce della chiusura. Per anni era stato affittato alla simbolica cifra di 1 euro. Il proprietario ha deciso di mettere fine a questo.

Si dice che verranno costruiti negozi. Berlino ha perso uno dei suoi meravigliosi centri culturali in cambio di un centro commerciale.

Al momento dello sgombero, il portavoce di Tacheles Martin Reiter ha detto: «Questo è il furto di un’opera d’arte con la scorta della polizia». Davanti all’edificio, prima dell’arrivo degli ufficiali giudiziari, si erano riuniti un centinaio di sostenitori e alcuni giornalisti. Nessuno ha comunque opposto resistenza: due artisti vestiti di nero hanno semplicemente suonato e cantato al pianoforte un’orazione funebre.