Il ritorno di Cecco e Cipo. Intervista al duo empolese dopo l’uscita di Tutto il bello che c’è.

4E06DB1E-DA22-447E-BA13-7E4B8B699191

Cecco e Cipo, alias Simone Ceccanti e Fabio Cipollini, entrambi di Vinci, entrambi classe ’92, muovono i primi passi nella scena musicale da giovanissimi, tra recite natalizie e circoli ARCI. Roba da Maiali, pubblicato nel dicembre 2011, e Lo Gnomo e lo Gnu, pubblicato nel giugno 2014, sono i loro primi due album, entrambi prodotti da Labella.
Nel settembre 2014 si esibiscono alle audizioni di X-Factor 8 con Vacca Boia, conquistando giudici e pubblico e venendo subito definiti dalla stampa come i veri protagonisti del talent. Rimarranno per settimane in trending topic su Twitter, entreranno in classifica F.I.M.I., nella Top Ten iTunes e nelle playlist Viral 50 di Spotify, mentre il video dell’audizione raggiungerà i due milioni di visualizzazioni. Nel frattempo, inizia il #VACCABOIA Tour in collaborazione con Musiche Metropolitane, che arriverà a contare cento date in un anno. Il 3 ottobre 2015 il M.E.I. di Faenza assegna loro un premio speciale per il tour in qualità di band più attiva dell’anno e, poco dopo, Francesco Tricarico li chiama per una speciale tournée nei migliori club d’Italia e nei grandi teatri.
Nel marzo 2016 esce Flop (Labella), terzo album in studio anticipato dal singolo Non voglio dire.
Nel dicembre 2016 vincono la prima edizione di Strafactor, avendo l’occasione di aprire la finalissima di X-Factor al Forum di Assago di Milano con il loro singolo appena citato. Nel frattempo il duo riprende l’attività live, sia in trio che in formazione completa (con Roberto Bochicchio al basso, Antonio Bollettino alle tastiere, Federico Gaspari alla chitarra elettrica e Dimitri Olmo Romanelli alla batteria), concludendo il tour al Combo di Firenze con la registrazione live del concerto, che uscirà il 25 dicembre su tutte le piattaforme digitali. Dopo un anno di pausa dai palchi e dalle interviste, il duo torna sulle scene con il singolo Tutto il bello che c’è, uscito il 19 ottobre 2018.

0DB72D6A-104B-4041-9A21-98A63E81126A

Ho intervistato Cecco e Cipo proprio in occasione dell’uscita dell’ultimo singolo, ecco qua per voi la nostra chiacchierata, buona lettura:

-Marco: Finalmente siete tornati. Come avete passato questo periodo lontano dai palchi?

-Cecco: Malissimo, sopratutto per Cipo stare lontano dal palco non è facile, per niente. Abbiamo pescato molto, peschiamo sempre quando non sappiamo cosa fare. Avevamo bisogno però di questa pausa, credo ci abbia fatto bene staccare da tutto e da tutti, avevamo bisogno di fare un disco diverso, nuovo, e siamo contenti di ripartire.

 

-M: Il singolo Tutto il bello che c’è l’ho adorato. Parlateci di questa canzone.

-Cipo: Pezzone. Una storia d’amore come le altre, solo raccontata dal nostro punto di vista, nel nostro mondo, con la nostra visione. Tutte le nostre canzoni sono autobiografiche. A volte capita di litigare e di venire lasciato a piedi, prendiamola come una metafora anche…ognuno poi può interpretarla come vuole, è anche questo il bello della musica.

 

-M: Che disco sarà quello alle porte?

-Cipo: Un disco diverso, forse più diretto, più inglese, più da band, ci gasa molto. Molto più live, suonato tutto con i soliti quattro strumenti, figo. Avevamo bisogno di cambiare in qualche modo e l’abbiamo fatto, speriamo sia apprezzato dai fan.

 

-M: Vi sentite cambiati rispetto a due anni fa? In cosa?

-Cecco: Molto, anzi moltissimo. Inutile negare che la gavetta fa sempre bene, e non finirà mai. Ci è servita per arrivare a X-Factor e ancora di più per arrivare fino a qui, oggi. Abbiamo voglia di ripartire ma più decisi, più maturi. Se ripenso a quando siamo partiti con il Vacca Boia Tour, mi fa impressione, eravamo degli scappati di casa, senza una regola, una logica, suoni a caso, veramente agghiaccianti dal punto di vista tecnico. L’unica cosa che è rimasta uguale è la non barba di Cipo, che non cresce, boh.

 

-M: Come ricordate la vostra esperienza ad X-Factor? Cosa pensate dei talent?

-Cipo: La nostra è stata breve e intensa, abbiamo fatto giusto quei due provini e stop ma ci sono bastati. Abbiamo avuto una risposta inaspettata fin da subito, ci è andata molto bene. Abbiamo avuto modo di far diventare la nostra passione un lavoro da qualche anno. I talent in generale sono molto pericolosi, difficile trarne il buono per un lungo periodo. Noi, avendo già fuori dei dischi e non avendo firmato nessun tipo di contratto televisivo, abbiamo avuto modo di far girare la nostra musica e di partire subito con il tour che ci ha permesso di consolidare il nostro pubblico che ancora oggi ci segue.

 

-M: Che rapporto avete col pubblico?

-Cecco: Intenso.

 

-M: Che ne pensate della scena musicale italiana?

-Cecco: Un sacco di roba figa, forse troppa roba. Succede tutto più velocemente adesso, devi stare sempre sul pezzo sennò sei fottuto. C’è un sacco di roba simile, un sacco di mode, alla fine ci sono sempre state ma oggi più che mai. Alla gente prende bene se gli canti che stai male,ecco…noi siamo l’opposto. Ce ne siamo sempre un po’ fregati di quello che va o che non va, cerchiamo di seguire un nostro percorso, anche perché non abbiamo alternative. Siamo dell’opinione che la musica debba rispecchiare quello che si è, al di là del fatto che poi possa piacere o meno. Non possiamo snaturarci, non saremmo credibili. Di sicuro adesso è un buon momento, un sacco di giovani vanno ai concerti e grazie ai social c’è un’attenzione che prima non c’era sulla musica in Italia.

-M: Quando le prime date del tour?

-Cipo: Partiamo con tre date secche, poi il tour ripartirà da febbraio, fino all‘infinito…

{17 NOV • Strike Up TOLENTINO (MC) https://bit.ly/2JfQHIy }

{21 NOV • Spazio Musica PAVIA (PV) https://bit.ly/2yYzkXX }

{22 DIC • Capanno 17 PRATO (PO)  https://bit.ly/2PS5onG }

4DC7AA12-A348-43ED-97D5-3079D3876AA0

Non ci resta che aspettare il nuovo album e l’infinito tour che ne seguirà! Fino a quel momento ascotiamo a nastro Tutto il bello che c’è.

Bacini e Rock ‘n’ Roll!!!